Come curare l’orticaria

La maggior parte dei casi di orticaria non hanno bisogno di trattamento, perché i sintomi sono generalmente lievi e spesso migliorano entro pochi giorni. L’orticaria può essere acuta o cronica, mostrando i sintomi per un periodo che va da un paio di settimane a diversi mesi.

I sintomi più importanti sono pomfi sollevati, e che danno prurito, rossi o del colore della pelle. Quando si preme al centro di un pomfo rosso, esso diventa bianco. Ci può anche essere un prurito maggiore e un bruciore o sensazioni di dolore pungente. Anche se non è comune, ulteriori sintomi includono febbre, affaticamento, problemi digestivi e dolore muscolare.

Alcune cause comuni includono alimenti allergici (arachidi, uova, noci e frutti di mare), alcuni farmaci, punture di insetti o morsi, esposizione a temperature estremamente calde o fredde, esposizione al sole, trasfusioni di sangue, infezioni batteriche o virali, peli di animali domestici, polline e contatto con piante urticanti come veleno di quercia ed edera velenosa. Troppo graffi, le bevande alcoliche, l’esercizio fisico e lo stress emotivo possono peggiorare i sintomi.

Per quanto riguarda l’orticaria a breve termine (o acuta), se i sintomi sono fastidiosi o persistenti, potete usare gli antistaminici da banco disponibili nelle farmacie. Parlate con il vostro medico di famiglia o con il farmacista se i sintomi peggiorano. Se i sintomi sono gravi, il primo può prescrivervi altri farmaci, come ad es., un breve ciclo di compresse di corticosteroidi. Tornate dal medico di famiglia se i sintomi peggiorano o se la cura non ha funzionato dopo due settimane.

Gli antistaminici bloccano gli effetti dell’istamina, contribuendo a fermare il prurito ed a ridurre l’eruzione.Alla maggior parte delle persone, gli antistaminici moderni non causano sonnolenza, anche se ci sono alcune eccezioni. Perciò vedete come reagite agli antistaminici prima di guidare o di usare macchinari pesanti. Gli antistaminici possono comunque causare sonnolenza se presi con l’alcol. Leggete sempre il foglietto illustrativo che viene fornito con il farmaco.

Il trattamento dell’orticaria a lungo termine (o cronica) consiste nel cercare di controllare i sintomi e di evitare qualsiasi cosa che li inneschi peggiorandoli. Se si ha un’orticaria cronica e l’angioedema, si può fare riferimento ad uno specialista della pelle, cioè a un dermatologo. Questo perché l’angioedema è potenzialmente più grave e può causare difficoltà respiratorie. Dovreste andare da un dermatologo se avete l’orticaria cronica ed i sintomi continuano, nonostante le cure.

Per trattare e gestire i sintomi dell’orticaria, si può contare anche su alcuni efficaci rimedi casalinghi, da seguire fino a quando la condizione migliora. Ora ne illustreremo alcuni. Tuttavia, se i sintomi durano più di un mese o ricorrono nel corso del tempo, andate un medico.

Un impacco freddo può essere utile nel ridurre i sintomi dell’orticaria. La bassa temperatura aiuta a restringere i vasi sanguigni ed a bloccare l’ulteriore rilascio di istamina, che a sua volta riduce il prurito, il gonfiore e il bruciore. Avvolgete alcuni cubetti di ghiaccio in un panno sottile e posizionatelo sulla zona interessata per 5-10 minuti. Ripetete ogni poche ore. Potete anche fare una doccia fredda o un bagno per avere sollievo. Non mettete il ghiaccio direttamente sulla pelle.

L’aceto di mele è un altro rimedio efficace per le sue proprietà antistaminiche. Inoltre, può aiutare a combattere le infezioni batteriche o virali che potrebbero causare o aggravare il problema. Aggiungete da 1 a 2 tazze di aceto di mele non filtrato prima in una vasca da bagno piena di acqua calda. Mettetevi a bagno in essa per un tempo che va da 15 a 20 minuti una volta al giorno.

In alternativa, diluite l’aceto di sidro di mele con una pari quantità di acqua e utilizzatela per lavare la zona interessata un paio di volte al giorno. Un’altra opzione è quella di aggiungere 1 cucchiaino di aceto di sidro di mele non filtrato prima in un bicchiere d’acqua. Aggiungete un po’ di miele per dare un gusto migliore alla miscela. Bevete questa soluzione due volte al giorno.

Anche il bicarbonato di sodio aiuta ad alleviare il prurito e l’infiammazione. Preparate una miscela con 1 parti di bicarbonato di sodio e 3 parti di acqua. Applicate sulla zona interessata per 1 o 2 minuti, poi risciacquate con acqua tiepida. Fate questo una volta al giorno fino a quando la condizione migliora. In alternativa, aggiungere ½ a 1 tazza di bicarbonato in una vasca da bagno con acqua tiepida. Mescolate bene, poi immergetevi per 10 minuti una volta al giorno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *