Come curare perdita di memoria

La perdita di memoria – chiamata anche amnesia –  avviene quando una persona perde la capacità di ricordare le informazioni e gli eventi che normalmente potrebbero richiamare alla mente.

Potrebbe trattarsi di qualcosa che è successo pochi secondi prima o di un evento memorabile che si è verificato in passato. La perdita di memoria può essere iniziata all’improvviso, o potrebbe essere peggiorata nell’ultimo anno o giù di lì. È normale che ci si dimentichi un po’ delle cose quando si invecchia. Tuttavia, la perdita di memoria è disturbante per la persona interessata e potrebbe essere un sintomo di qualcosa di più grave, pertanto dovreste farvi controllare dal medico curante.

I vostri parenti possono temere il peggio e presumere che la perdita di memoria sia causata dalla demenza, ma spesso questo non è il caso. Il medico farà una valutazione iniziale e vi porrà alcune domande su sintomi, storia familiare e stile di vita. Può anche richiedere un esame del sangue. Se pensa che tu abbia bisogno di una valutazione per la demenza, o che ci possa essere un’altra condizione sottostante più grave – come dei danni al cervello – ti indirizzerà a uno specialista.

La perdita di memoria ha una vasta gamma di possibili cause, a seconda del tipo di condizione. I medici curanti spesso trovano che le persone che soffrono di perdita di memoria hanno più probabilità di avere ansia, stress o depressione. La loro perdita di memoria è dunque semplicemente il risultato di una scarsa concentrazione e del non notare le cose in primo luogo a causa della mancanza di interesse. I problemi di sonno spesso peggiorano la perdita di memoria.

Se questo è il tuo caso, il medico di famiglia può suggerirti degli antidepressivi. Infatti se avete depressione o ansia, i problemi di memoria dovrebbero migliorare automaticamente quando la depressione o l’ansia migliora. Una persona anziana con perdita di memoria è probabile che abbia una forma di depressione anche se sperimenta dei cambiamenti nel proprio comportamento.

Altre cause comuni di perdita di memoria sono: una lesione alla testa, ad es. dopo un incidente stradale; un colpo che taglia fuori alcune delle vie di alimentazione di sangue al cervello e provoca la morte del tessuto cerebrale. Questi eventi causeranno una perdita di memoria improvvisa, in cui si dimentica gli eventi che si sono verificati prima (o, al contrario, dopo) del trauma.

Se pensi che i tuoi problemi di memoria possono essere un segno di demenza, sappi che probabilmente non lo sono. Una persona con demenza non è di solito a conoscenza della sua perdita di memoria, o può negarla. La perdita di memoria è probabilmente causata da qualcosa di molto più comune e trattabile, come la depressione. Inoltre, tieni presente che circa il 40% delle persone sopra i 65 anni hanno un qualche problema di memoria e solo il 15% all’anno svilupperanno la demenza.

In effetti, la demenza si verifica di solito in persone abbastanza anziane: di età superiore ai 65 anni. La perdita di memoria nella demenza non avviene improvvisamente, ma diventa peggiore nel tempo. Qualcuno con la demenza lotta per ricordare gli eventi immediati o recenti, ma può ancora ricordare gli eventi che si sono verificati molto tempo prima. Ciò significa che se hai perso anche la memoria a lungo termine, probabilmente la causa non è la demenza.

Nessun farmaco è attualmente disponibile per trattare la maggior parte dei tipi di amnesia. I ricercatori stanno studiando diversi neurotrasmettitori coinvolti nella formazione della memoria, ma la complessità dei processi cerebrali coinvolti rende improbabile che un giorno con un unico farmaco si possano risolvere i problemi di memoria. Il trattamento per l’amnesia si concentra quindi sulle tecniche e sulle strategie per contribuire a compensare il problema della memoria.

Una persona con amnesia può, ad es., lavorare con un terapista occupazionale per apprendere nuove informazioni per sostituire ciò che è stato perso o usare parti di memoria intatte per prendere delle nuove informazioni. La formazione della memoria può anche includere una serie di strategie per l’organizzazione delle informazioni, così che sia più facile ricordare le cose.

Se soffri di perdita di memoria, tieni gli oggetti di uso quotidiano, come le chiavi dell’auto, nello stesso posto e cerca di fare le cose nello stesso ordine ogni volta. Scrivi le informazioni che possono esserti utili e tieni carta e matita vicino al telefono. Mantieni un diario in casa e al lavoro per ricordarti di fare le attività quotidiane. Usa un allarme per aiutarti a ricordare di fare qualcosa in futuro, ad es. togliere qualcosa dal forno. Riferisci le informazioni importanti a qualcuno.

Molte persone con amnesia ritengono in effetti utile usare una tecnologia intelligente, ad esempio uno smartphone o un tablet. Con una certa formazione e pratica, anche persone con grave perdita di memoria possono usare questi organizzatori elettronici per aiutarli con la gestione delle attività quotidiane: ad es., per ricordare loro eventi importanti o di assumere farmaci.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *