Come guarire dalla claustrofobia

La claustrofobia è la paura irrazionale degli spazi confinati. È normale temere di essere intrappolati quando c’è una vera minaccia, ma le persone che soffrono di claustrofobia hanno timore anche in situazioni in cui non c’è alcun pericolo ovvio o realistico.

Chi ha la claustrofobia evita gli spazi confinanti, come ascensori, tunnel, metropolitane e servizi igienici pubblici. Tuttavia, evitando questi luoghi spesso si rafforza la paura. Alcune persone con claustrofobia sperimentano un’ansia lieve quando sono in uno spazio confinato, mentre altre hanno ansia o attacchi di panico. Quasi tutte hanno la sensazione o paura di perdere il controllo.

La claustrofobia è spesso causata da un evento traumatico durante la prima infanzia. Ad esempio, gli adulti possono sviluppare la claustrofobia se, da bambini, essi: sono stati intrappolati o tenuti in uno spazio confinato; sono stati violentati o hanno subito abusi; avevano un genitore con claustrofobia. La claustrofobia può anche essere attivata da esperienze o situazioni spiacevoli, come una turbolenza durante il volo o il blocco della metropolitana in un tunnel tra le stazioni.

La maggior parte delle persone con una fobia sono pienamente consapevoli del fatto di averla. Molte persone vivono con claustrofobia senza che essa sia stata diagnosticata formalmente e prestano grande attenzione ad evitare gli spazi confinati. Tuttavia, ottenere aiuto dal tuo medico curante e da uno specialista come uno psicologo può spesso essere utile.

I terapeuti offriranno differenti tecniche di rilassamento e di visualizzazione da utilizzare quando si è in una situazione claustrofobica. Le tecniche possono includere esercizi come il conteggio fino a 10 o la rappresentazione di uno spazio sicuro. Queste tecniche possono aiutare a calmare i nervi e ad alleviare il tuo panico. Viene comunemente usata anche la terapia di esposizione.

Infatti, la claustrofobia può essere trattata e curata con successo, se si viene gradualmente esposti alla situazione che provoca la propria paura. Ciò è noto come desensibilizzazione, o terapia con auto-esposizione. Potresti provare questa strategia con tecniche di auto-aiuto o con l’aiuto di un professionista, ad es. uno psicologo esperto di Terapia comportamentale cognitiva.

La terapia comportamentale cognitiva è spesso molto efficace per le persone con fobie. Si tratta di una terapia conversazionale che esplora i tuoi pensieri, sentimenti e comportamenti e sviluppa modi pratici per affrontare efficacemente la tua fobia. Parla con il tuo medico curante per sapere se questa terapia sarebbe adatta per te e se è disponibile da qualche parte nella tua zona.

Un altro approccio per trattare la claustrofobia è la Terapia comportamentale emotiva razionale. Questa è una forma di Terapia comportamentale cognitiva orientata all’azione e che si concentra sul presente. Essa affronta atteggiamenti, emozioni e comportamenti non sani. Usa una tecnica chiamata “controversia” per aiutare le persone a sviluppare credenze realistiche e sane.

Il medico può anche prescrivere farmaci antidepressivi o anti-ansia per aiutare a trattare i sintomi di panico e fisici. Quando prescritti, i farmaci sono di solito utilizzati in aggiunta alla terapia psicologica. Dunque la claustrofobia è curabile e la gente può recuperare dalla condizione. Per alcune persone, la claustrofobia scompare quando invecchia. In caso contrario, ci sono vari modi per curare la paura ed i sintomi fisici, oltre a gestire i fattori scatenanti, per vivere una vita attiva e soddisfacente.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *