Come prevenire il mesotelioma

Il mesotelioma è un tipo di cancro che si sviluppa nel rivestimento che copre la superficie esterna di alcuni degli organi del corpo. Di solito è legato all’esposizione all’amianto.

Il mesotelioma colpisce soprattutto la fodera dei polmoni (mesotelioma pleurico), anche se può anche influenzare il rivestimento della pancia (mesotelioma peritoneale), del cuore o dei testicoli. Più di 1.000 persone sono diagnosticate ogni anno con tale patologia in Italia. La maggior parte dei casi è diagnosticata tra i 60 e gli 80 anni e gli uomini sono più colpiti dalle donne.

Purtroppo è raramente possibile curare il mesotelioma, anche se il trattamento può aiutare a controllare i sintomi. I sintomi del mesotelioma ai polmoni tendono a svilupparsi gradualmente nel tempo. Di solito non appaiono fino a diversi decenni dopo l’esposizione all’amianto. I sintomi includono: dolore al petto, fiato corto, stanchezza, febbre e sudorazione (specie di notte), una tosse persistente, perdita di appetito e perdita di peso inspiegabile, dita gonfie.

Il mesotelioma è quasi sempre causato dall’esposizione all’amianto, un gruppo di minerali fatti di fibre microscopiche che erano ampiamente utilizzate nella costruzione di tetti e parti di edifici. Queste piccole fibre possono facilmente penetrare nei polmoni, dove si bloccano, e li danneggiano nel corso del tempo. Di solito occorre un po’ di tempo perché possa causare eventuali problemi evidenti: il mesotelioma si sviluppa, in genere, più di 20 anni dopo l’esposizione all’amianto.

L’uso dell’amianto è stato completamente vietato in Italia nel 1992 (dalla legge 257 che ha vietato del tutto ogni attività di estrazione, produzione e commercio di amianto e beni che lo contengano), a causa della pericolosità di questo materiale per la salute. quindi il rischio di esposizione è molto più basso oggi. Tuttavia, i materiali contenenti amianto sono ancora presenti in molti edifici più antichi, dato che molte Regioni non hanno provveduto ad affrontare il problema.

Ciò significa che gli edifici che sono stati costruiti o ristrutturati prima del 1992 potrebbero ancora contenere amianto. Se si è preoccupati che la propria casa o fabbrica possa contenere amianto, è possibile richiedere un parere ad un esperto di salute ambientale, mentre se si desidera farlo rimuovere è necessario rivolgersi a una ditta specializzata, magari della propria zona.

In queste circostanze, è meglio lasciare qualsiasi materiale contenente amianto dove è, soprattutto se è in buone condizioni e non è probabile che si danneggi. Occorre solo controllare di tanto in tanto la condizione dei materiali per assicurarsi che non siano stati danneggiati o che abbiano cominciato a deteriorarsi, ad esempio mostrando delle fibre friabili che vengono via.

Talvolta i materiali contenenti amianto leggermente danneggiati possono essere riparati sigillandoli o racchiudendoli. Tuttavia, ciò dovrebbe essere fatto solo da qualcuno con la formazione e l’attrezzatura necessaria. Qualsiasi materiale di amianto in cattive condizioni che non può essere ricoperto dovrebbe essere rimosso da qualcuno che sia adeguatamente addestrato.

Se state progettando miglioramenti domestici, riparazioni o manutenzioni, informate eventuali operai, di tutti i materiali di amianto presenti prima di iniziare i lavori. Ciò contribuirà a ridurre per voi e per loro i rischi di un eventuale disturbo del materiale contenente amianto.

Se il tuo lavoro non ti mette direttamente a rischio per l’esposizione all’amianto, ma sei preoccupato per l’amianto presente nel tuo posto di lavoro, parla con il proprietario dell’edificio per sapere cosa sta facendo per controllare e gestire la situazione. Il proprietario dell’immobile è la persona responsabile del mantenimento e della riparazione dei locali non domestici.

Se i materiali contenenti amianto sul tuo luogo di lavoro vengono valutati essere in buone condizioni, e non sono danneggiati, di solito saranno lasciati sul luogo e monitorati. Tuttavia, i materiali contenenti amianto che non sono in buone condizioni (ad esempio, perdono fibre) o che potrebbero venire danneggiati durante l’uso normale dell’edificio devono essere sigillati, chiusi o rimossi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *