Come si prende la tubercolosi

La tubercolosi è un’infezione batterica diffusa attraverso l’inalazione di piccole gocce prodotte dalla tosse o dagli starnuti di una persona infetta. Essa colpisce soprattutto i polmoni, ma può influenzare qualsiasi parte del corpo, incluse le ghiandole, le ossa e il sistema nervoso. La tubercolosi è una condizione grave, ma può essere curata se viene trattata con gli antibiotici giusti.

I sintomi tipici della tubercolosi includono: una tosse persistente che dura più di tre settimane e di solito porta il vomito, che può contenere sangue; perdita di peso; sudorazioni notturne; febbre alta; spossatezza; perdita di appetito; gonfiori del collo. Dovresti vedere il tuo medico curante – o andare al pronto soccorso –se hai una tosse che dura più di tre settimane o se tossisci del sangue.

La tubercolosi che colpisce i polmoni (o tubercolosi polmonare) è il tipo più contagioso, ma di solito si diffonde solo dopo un’esposizione prolungata a qualcuno con la malattia. Nella maggior parte delle persone sane, la difesa naturale dell’organismo contro l’infezione – ovvero il sistema immunitario – uccide i batteri (o riesce a prevenirne la diffusione nel corpo) e non ci sono sintomi.

Se il sistema immunitario non uccide i batteri, ma riesce a prevenirne la diffusione nel corpo, non avrai sintomi, ma i batteri rimarranno nel tuo corpo. Questa è nota come tubercolosi latente. Le persone con tubercolosi latente non sono contagiose per gli altri. Se il sistema immunitario non uccide o contiene l’infezione, essa può diffondersi entro i polmoni o in altre parti del corpo.

In tal caso, i sintomi si svilupperanno entro poche settimane o mesi. Questa è nota come tubercolosi attiva. La tubercolosi latente potrebbe svilupparsi in una tubercolosi attiva in una data successiva, in particolare se il sistema immunitario diventa indebolito, come accade ad esempio per i malati di AIDS.

Per fortuna, esiste un vaccino che offre protezione contro la tubercolosi ed è raccomandato per i bambini, i bambini e gli adulti di età inferiore ai 35 anni che sono considerati a rischio di prendere la tubercolosi. Se sei un sanitario o un operatore che entra in contatto con pazienti o potenziali infetti, dovresti avere una vaccinazione contro la tubercolosi, indipendentemente dalla tua età.

Se sei stato a stretto contatto con qualcuno che ha la tubercolosi, puoi fare degli esami per vedere se sei stato infettato anche tu. Questi possono includere una radiografia del torace, gli esami del sangue e una prova cutanea chiamata test Mantoux, ampiamente usato per la tubercolosi latente. Consiste nell’iniezione di una piccola quantità di una sostanza (tubercolina) sull’avambraccio. Se si ha un’infezione latente, si svilupperà un piccolo pomfo rosso entro 48-72 ore.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *