Quanto deve essere la frequenza cardiaca a riposo?

La frequenza cardiaca a riposo (misurata ad es. prendendo il battito del polso) è un parametro facilmente misurabile della salute e della forma fisica complessiva di una persona. Questa misura sorprendentemente semplice è molto significativa per tutti, non solo per gli atleti o per i malati.

L’espressione “a riposo” è importante, e significa prendere la frequenza cardiaca più bassa nel corso di una giornata. Ciò di solito viene fatto meglio al mattino appena svegliati ma non ancora scesi dal letto. Basta misurare con due dita i battiti del polso per 60 secondi, oppure usare un comune cardiofrequenzimetro per lo stesso lasso di tempo e prendere la lettura più bassa. Si  noti che le frequenze cardiache prese da seduti sono spesso 1-2 battiti superiori a quelle prese da sdraiati.

La semplice tabella seguente mostra l’intervallo normale o di riferimento della frequenza cardiaca a riposo, espressa in battiti al minuto, in base all’età di un individuo. Infatti, molti fattori possono causare cambiamenti nella normale frequenza cardiaca di una persona, inclusa l’età, il livello di attività e l’ora del giorno.

Come si vede, una frequenza cardiaca normale per gli adulti varia da 60 a 100 battiti al minuto. Generalmente, una frequenza cardiaca a riposo nella parte bassa dell’intervallo implica una funzione cardiaca più efficace e una migliore forma cardiovascolare. Ad es., un atleta ben addestrato potrebbe avere una normale frequenza cardiaca di riposo più vicina a 40 battiti al minuto. Per misurare la frequenza cardiaca, basta controllare semplicemente il proprio battito.

L’intervallo di riferimento è molto ampio perché in realtà non esiste una frequenza cardiaca a riposo “normale” per gli esseri umani. Ogni individuo ha un numero che è “solito” per lui o per lei. La frequenza cardiaca è regolata dall’attività del cervello (in pratica, dal sistema nervoso autonomo), dal sistema ormonale e dallo stato di forma del sistema cardiovascolare.

In condizioni di riposo, il cuore umano medio di un adulto batte a circa 70 battiti al minuto (bpm) e la frequenza cardiaca tende a diminuire gradualmente con l’età (qui sotto trovate una tabella più precisa in tal senso della frequenza cardiaca a riposo). Le donne hanno generalmente una frequenza da 3 a 7 bpm superiore a quello degli uomini, in media. In un atleta ben addestrato, il numero di battiti può essere piuttosto basso, tuttavia il sovrallenamento cronico può causare uno squilibrio che determina una frequenza cardiaca anormalmente più bassa.

Frequenza cardiaca a riposo (in bpm) alle varie età (in anni).

La frequenza cardiaca normale al mattino varia spesso leggermente. Dovrebbe comunque essere entro tre o quattro battiti nei giorni consecutivi. Una modifica da un giorno all’altro potrebbe essere un’indicazione che un qualche tipo di stress vi sta interessando. Può segnalare un raffreddore o un’influenza che si sta avvicinando, che state pensando a una situazione stressante, delle scelte povere nell’alimentazione o allenamenti troppo lunghi o intensi nei giorni precedenti.

Il tuo battito ha solitamente un forte ritmo costante o regolare. Il vaso sanguigno dovrebbe sentirsi morbido. Una pausa occasionale o un battito extra è normale. Normalmente, la tua frequenza cardiaca accelererà un po’ quando respiri profondamente. È possibile controllare questa variazione normale della frequenza dei battiti cardiaci cambiando il proprio schema di respirazione mentre si misurano i battiti. Anche molte condizioni mediche possono modificare la frequenza del battito.

Tieni presente che molti fattori possono influenzare la frequenza cardiaca normale, tra cui: il livello di attività; il livello di forma fisica; la temperatura dell’aria; la posizione del corpo (ad es. in piedi o sdraiato); le emozioni; la corporatura; i farmaci. Altri fattori che la alterano includono farmaci, caffeina, infezioni, allergie e asma. Sebbene vi sia un ampio intervallo di valori normali, una frequenza cardiaca insolitamente alta o bassa può indicare un problema sottostante.

È importante valutare con precisione la frequenza cardiaca a riposo, poiché gli errori sono dietro l’angolo. Altri fattori che la influenzano includono il periodo di riposo prima della misurazione, le condizioni ambientali, i metodi di misura (compresi come e dove viene preso il battito), il numero di letture, la durata della misurazione, la posizione del corpo e altri ancora. Senza una misura precisa della frequenza cardiaca, il suo valore è limitato o, peggio ancora, fuorviante.

Perciò, i modi che di solito vengono raccomandati per l’utilizzo della frequenza cardiaca come misura della forma fisica e/o del sovrallenamento è misurarla ogni mattina non appena svegliati (prima di scendere dal letto) e, dopo gli allenamenti o l’esercizio fisico, misurarla subito dopo l’allenamento e poi di nuovo 5 minuti (o 10 minuti, purché siano sempre gli stessi) più tardi. Il modo migliore per misurare la frequenza cardiaca di riposo è con un comune cardiofrequenzimetro.

Gli studi dimostrano che le frequenze cardiache a riposo superiori a 80 bpm sono significativamente associate ad un aumento del rischio cardiovascolare. La frequenza cardiaca a riposo elevata è associata anche all’infiammazione cronica e rappresenta un fattore di rischio per la mortalità indipendente dalla forma fisica e dagli altri principali fattori di rischio cardiovascolari.

Il medico ti parlerà di eventuali risultati anomali che possono essere correlati ai sintomi e alla salute passata. Una frequenza cardiaca a riposo alta (e dunque un battito del polso veloce) può essere causata da: attività o esercizio fisico; anemia; alcuni farmaci, come i decongestionanti e quelli usati per trattare l’asma; febbre; alcuni tipi di malattie cardiache; una ghiandola della tiroide troppo attiva (ipertiroidismo); stimolanti quali caffeina, anfetamine e sigarette; alcool; stress.

Una frequenza cardiaca a riposo bassa (e dunque un battito del polso lento) può essere causata da: alcuni tipi di malattie cardiache e medicinali per curare le malattie cardiache; alti livelli di fitness; una ghiandola tiroidea inattiva (ipotiroidismo). Un battito cardiaco (e quindi del polso) debole, invece, può essere causato da: un coagulo di sangue nel braccio o nella gamba; malattie dei vasi sanguigni (malattia arteriosa periferica); malattie cardiache e insufficienza cardiaca.

Consulta il tuo medico per l’approfondimento del caso se la frequenza cardiaca di riposo è costantemente superiore ai 100 battiti al minuto (tachicardia) o se non sei un atleta addestrato e la frequenza cardiaca a riposo è inferiore a 60 battiti al minuto (bradicardia), soprattutto se si hanno altri segni o sintomi, come ad esempio svenimenti, vertigini oppure mancanza di respiro.

Più in generale, chiamate il medico se avete uno dei seguenti sintomi: un battito cardiaco irregolare o rapido (palpitazioni), tenendo presente che le palpitazioni possono essere persistenti o possono venire e andare (episodica); dolore al petto; vertigini; svenimenti; giramento di testa; fiato corto. Inoltre, parlate con il vostro medico se avete una frequenza cardiaca elevata, molti battiti saltati oppure extra o, infine, se il vaso sanguigno dove si controlla il proprio battito cardiaco lo si sente duro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *