Come curare il reumatismo

Il termine “reumatismo” è stato usato storicamente per descrivere una serie di condizioni reumatiche. Oggi non viene più utilizzato dai medici professionisti, che sottolineano l’importanza di arrivare a una diagnosi specifica per poter indicare un trattamento adeguato.

Ottenere una diagnosi corretta è importante per capire la causa sottostante la condizione infiammatoria di una persona. Per le condizioni come ad es. l’osteoartrite, la causa può essere correlata al peso, all’età o alla storia di lesioni sportive. Altre condizioni – come ad es. l’artrite reumatoide e l’artrite psoriasica – sono disturbi autoimmuni in cui il sistema immunitario attacca i tessuti sani.

Storicamente, il reumatismo è stato associato a condizioni legate alle articolazioni o ai tessuti molli e ai muscoli. È importante ottenere una diagnosi specifica del tipo di malattia reumatica basata su segni e sintomi e su opportuni esami. La storia medica, l’esame fisico e i raggi X sono comunemente utilizzati per diagnosticare le più comuni condizioni o patologie articolari.

Alcuni tipi di malattie reumatiche possono essere diagnosticati da un medico generico, mentre altri possono richiedere l’intervento di uno specialista. Un reumatologo è un medico specializzato nel trattamento dell’artrite e delle varie malattie reumatiche. Sulla base dei sintomi del paziente, un reumatologo può determinare quali tipi di esami sono necessari.

Dal momento che ci sono diverse forme e condizioni classificate come disturbi reumatici, i loro trattamenti sono di natura altrettanto varia. “Reumatismo” è un termine generico che comprende sia le forme infiammatorie che non infiammatorie delle sindromi del dolore e dell’artrite.

All’interno della varietà infiammatoria di reumatismi (detti disturbi reumatici) vi sono quelli che influenzano le articolazioni e quelli che interessano anche tutto il corpo o altri tessuti molli. Non esiste un unico farmaco o trattamento che migliora le condizioni dell’artrite o delle sindromi del dolore infiammatorio. Alcuni agenti sono più efficaci per alcuni individui rispetto ad altri.

L’obiettivo e le modalità del trattamento comprendono innanzitutto la gestione e il sollievo del dolore. Questo è l’obiettivo primario in tutte le forme di disturbi associati a reumatismi, siano essi infiammatori o non infiammatori. Il dolore può essere gestito in due modi: con l’uso di antidolorifici tradizionali ma non hanno alcun effetto sui processi infiammatori (ad es. oppioidi come la morfina) e con l’uso di farmaci che oltre al dolore riducono anche l’infiammazione.

Il secondo gruppo comprende gli agenti antiinfiammatori non steroidei, utili per coloro che soffrono di malattie infiammatorie. Tuttavia, a causa del rischio di effetti collaterali gravi come le ulcere gastriche, il rene, il cuore e il danno epatico a lungo termine, questi agenti non sono prescritti per uso a lungo termine ai pazienti con disturbi reumatici infiammatori.

Un altro obiettivo importante della terapia è quello di ridurre e prevenire l’infiammazione alle articolazioni. Ciò può essere ottenuto utilizzando corticosteroidi. Questi agenti riducono l’infiammazione e nel tempo possono impedire la progressione del danno dell’articolazione. Anche se l’uso a lungo termine dei corticosteroidi è pieno di rischi di effetti collaterali, questi agenti costituiscono ancora la base del trattamento della maggior parte dei disturbi reumatici.

L’infiammazione viene ridotta anche usando nuovi agenti, chiamati modificatori di risposta. Questi sono ampiamente usati nell’artrite reumatoide e si rivolgono ai marcatori infiammatori che portano a danni articolari. Durante l’artrite reumatoide è anche possibile prevenire e arrestare i danno congiunto con agenti definiti come farmaci modificanti anti-artrite reumatoide.

Infatti, la maggior parte dei disturbi reumatici conducono a gravi disabilità a causa dell’afflizione delle articolazioni da parte dei processi infiammatori. Un importante obiettivo della terapia è quello di prevenire ulteriori danni congiunti progressivi e, attraverso la terapia fisica e gli esercizi, mantenere la mobilità ottimale della giuntura e la relativa indipendenza del paziente.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *