Come curare intolleranza al lattosio

L’intolleranza al lattosio è una condizione del corpo umano durante la quale quest’ultimo non è in grado di digerire il lattosio, che è lo zucchero primario presente nel latte.

Ciò può portare a diversi altri problemi, come il gas, la nausea, mal di stomaco, la diarrea e il vomito. Il lattosio viene metabolizzato principalmente da un enzima chiamato lattasi. L’indisponibilità del lattasi può dar luogo a questo tipo di problema. Ci possono essere altre ragioni di intolleranza al lattosio. Molte persone, però, ne soffrono e sono alla ricerca di rimedi efficaci.

Se pensi di avere l’intolleranza al lattosio, è una buona idea di parlarne con il medico. Quest’ultimo può assicurare che i sintomi siano causati dall’intolleranza al lattosio e non da un altro problema, come la sindrome dell’intestino irritabile, la malattia infiammatoria intestinale, l’abuso di lassativi, o problemi nel digerire gli alimenti che contengono fruttosio o sorbitolo.

La maggior parte delle persone che hanno l’intolleranza al lattosio possono evitare disagi e ancora mangiare o bere alcuni prodotti lattiero-caseari per tutta la giornata. Ci sono diversi modi per vivere con l’intolleranza al lattosio. Ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra. Poiché non esiste una cura per l’intolleranza al lattosio, controllare i sintomi dipende per lo più da voi. I seguenti suggerimenti possono aiutarvi a prevenire i sintomi.

Limitate la quantità di latte e prodotti lattiero-caseari nella vostra dieta. La maggior parte delle persone possono assumere circa 10 g di lattosio ogni giorno. Questo può essere, per esempio, un bicchiere di latte intero, a basso contenuto di grassi, o senza grassi. Tutto il latte, infatti, contiene la stessa quantità di lattosio. Altri latticini contengono invece diverse quantità di lattosio.

Gli alimenti con meno lattosio – come il formaggio svizzero o cheddar – non possono causare problemi. Se non siete sicuri se un prodotto a base di latte provoca sintomi, provate una piccola quantità e aspettate di vedere come vi sentite prima di prenderne di più. Mangiate o bevete latte e prodotti lattiero-caseari specifici che hanno un ridotto contenuto di lattosio. Nella maggior parte dei negozi di generi alimentari, è possibile acquistare ad es. il latte con lattosio ridotto.

Alcune persone trovano che l’acquisto di questo tipo di latte e di prodotti – sebbene più costosi – le aiuta a controllare i loro sintomi. Inoltre, mangiate o bevete latte e prodotti lattiero-caseari con altri alimenti. Per alcune persone, unire un alimento solido (come i cereali) con un prodotto lattiero-caseario può ridurre o eliminare i sintomi. Infine, è meglio mangiare piccole quantità di prodotti contenenti lattosio per tutto il giorno, invece di grandi quantità tutte in una volta.

Alcuni rimedi casalinghi possono fornire risultati positivi. Lo yogurt ad es. ha le migliori proprietà per gestire l’intolleranza al lattosio. È una ricca fonte di batteri freschi che aiuteranno nella digestione e nel rimuovere qualsiasi tipo di infezione. I batteri presenti nello yogurt tratteranno il lattosio e ridurranno il disagio. Consumate yogurt ogni giorno per gestire il problema.

Pure l’aceto di mele è utile per trattare il problema dell’intolleranza al lattosio. Esso contribuirà a una corretta digestione e quindi eviterà i vari tipi di sintomi. L’aceto ha buone proprietà che si occuperanno di tutti i sintomi e forniranno efficacia allo stomaco. Mescolate un po’ di aceto in acqua e bevete questa soluzione su base regolare. Bevetela ogni giorno per curare il problema.

Lo zenzero è uno dei migliori nutrienti per gestire tutti i tipi di problemi gastrointestinali. Esso contribuirà a curare l’indigestione e ad eliminare i gas addominali e la nausea. Aggiungete un po’ di zenzero grattugiato nell’acqua e fate bollire in modo corretto. Filtrate la soluzione e aggiungete po’ di miele e succo di limone. Bevete regolarmente questo tè su base quotidiana per curare il problema.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *