Come curare intossicazione alimentare

L’intossicazione alimentare è una malattia causata dal mangiare cibo contaminato. Nella maggior parte dei casi di intossicazione, il cibo è contaminato da batteri – come la salmonella o l’Escherichia coli – o da un virus, come ad esempio il norovirus. Non è di solito seria e la maggior parte delle persone migliora in pochi giorni senza un trattamento, con un recupero completo.

I sintomi di intossicazione alimentare di solito iniziano nel giro di 1-2 giorni dopo aver mangiato il cibo contaminato, anche se possono iniziare in qualsiasi momento tra poche ore e diverse settimane dopo il pasto incriminato. I principali sintomi includono: nausea, vomito, diarrea (che può contenere sangue o muco), crampi allo stomaco e dolore addominale (mal di pancia), mancanza di energia e debolezza, perdita di appetito, una febbre elevata, muscoli doloranti, brividi.

La maggior parte delle persone con intossicazione da cibo si riprendono a casa e non necessitano di trattamenti specifici, tuttavia ci sono situazioni in cui dovresti consultare un medico: se i sintomi sono gravi (ad es., se non riesci a tenere sotto controllo i liquidi perché vomiti ripetutamente); se i sintomi non cominciano a migliorare dopo alcuni giorni; hai sintomi di forte disidratazione (confusione, un battito cardiaco rapido, e poca o nessuna urina); sei incinta; hai più di 60 anni.

Dovresti sentire il tuo medico anche se hai una condizione sottostante a lungo termine – come la malattia intestinale infiammatoria, la malattia della valvola cardiaca, il diabete o la malattia renale – o se hai un sistema immunitario debole (per esempio, a causa di farmaci, trattamenti per il cancro o l’HIV). In queste situazioni, il medico può far analizzare un campione di feci e prescriverti degli antibiotici, oppure può indirizzarti a un pronto soccorso per essere curato più da vicino.

Gli esami delle feci vengono effettuati per scoprire che cosa provoca i sintomi e gli antibiotici possono essere prescritti se i risultati mostrano che si ha un’infezione batterica. Possono anche venirti prescritti farmaci per fermare il vomito se esso è particolarmente grave. Se i sintomi sono gravi o persistenti o sei più vulnerabile alle infezioni gravi (ad esempio perché sei anziano o hai una qualche patologia), potrebbe essere necessario un ulteriore trattamento o un’ospedalizzazione.

Finché non ti senti meglio, dovresti soprattutto riposare e bere liquidi – anche se si può solo sorseggiare – per prevenire la disidratazione. Mangia di nuovo solo quando te la senti, ma prova prima con dei piccoli pasti leggeri e comincia con del cibo facilmente digeribile – come i cracker, le banane e il riso – fino a quando non cominci a sentirti meglio. Inoltre evita l’alcool, la caffeina, le bevande frizzanti e gli alimenti piccanti e grassi, perché possono farti sentire peggio.

Stai lontano dal posto di lavoro o dalla scuola fino a 48 ore dopo l’ultima episodio di diarrea. Se qualcuno con cui vivi è intossicato dal cibo, assicurati che: tutti nella tua casa si lavino le mani con sapone e acqua calda regolarmente, in particolare dopo aver fatto il bagno e prima e dopo aver preparato il cibo; le superfici di seggiolini, manicotti, lavandini e rubinetti vengano pulite spesso; ognuno abbia i propri asciugamani; i panni della persona infetta siano lavati con acqua ben calda.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *