Come curare l’ipertiroidismo

L’ipertiroidismo (o tiroide iperattiva) è una condizione in cui la vostra ghiandola della tiroide produce troppo ormone tiroxina. L’ipertiroidismo può accelerare significativamente il metabolismo del tuo corpo, causando una serie di effetti: perdita improvvisa di peso, un battito cardiaco veloce o irregolare, sudorazione e nervosismo o irritabilità.

Se si soffre di ipertiroidismo, esistono diverse opzioni di cura. I medici usano farmaci anti-tiroidei e lo iodio radioattivo per rallentare la produzione di ormoni tiroidei. A volte, il trattamento dell’ipertiroidismo comporta un intervento chirurgico per rimuovere tutta o parte della vostra ghiandola tiroidea. Anche se l’ipertiroidismo può essere grave se viene trascurato, la maggior parte delle persone risponde bene una volta che questa condizione viene diagnosticata e trattata.

L’ipertiroidismo può causare un’ampia varietà di segni e sintomi, tra i quali: perdita improvvisa di peso, frequenza cardiaca elevata (con più di 100 battiti al minuto), battito cardiaco irregolare (aritmia) o palpitazioni, aumento dell’appetito, ansia e irritabilità, tremore nelle mani e nelle dita, sudorazione, cambiamenti nei cicli mestruali, maggiore sensibilità al calore, evacuazioni intestinali più frequenti, affaticamento e debolezza muscolare, difficoltà a dormire.

La tua tiroide è una ghiandola a forma di farfalla posta alla base del tuo collo, appena sotto il pomo di Adamo. Anche se pesa poco, ha un enorme impatto sulla tua salute. Ogni aspetto del metabolismo è regolato dagli ormoni tiroidei. La tua tiroide produce due ormoni principali – tiroxina (T-4) e triiodotironina (T-3) – che influenzano ogni cellula del tuo corpo.

Essi regolano la velocità con cui il corpo utilizza grassi e carboidrati, aiuta a controllare la temperatura corporea, influenza la frequenza cardiaca e aiuta a regolare la produzione di proteine. L’insorgere di alcune condizioni – tra cui la malattia di Graves, l’adenoma tossico, la malattia di Plummer (gonfiore multinodulare tossico) e la tiroidite – possono causare l’ipertiroidismo.

Esistono diverse cure per l’ipertiroidismo. L’approccio migliore per te dipende dalla tua età, dalla condizione fisica, dalla causa sottostante l’ipertiroidismo, dalle preferenze personali e dalla gravità del tuo disturbo. Ecco, in sintesi i principali trattamenti possibili: iodio radioattivo, farmaci anti-tiroide, farmaci beta-bloccanti, intervento chirurgico (tiroidectomia).

Prendendolo per bocca, lo iodio radioattivo viene assorbito dalla ghiandola tiroidea, dove provoca la riduzione della ghiandola e la diminuzione dei sintomi, di solito entro tre o sei mesi. Poiché questo trattamento induce un’attività della tiroide notevolmente lenta, causando ipotiroidismo, alla fine è necessario assumere farmaci ogni giorno per sostituire la tiroxina. Utilizzato da più di 60 anni per trattare l’ipertiroidismo, lo iodio radioattivo si è dimostrato generalmente sicuro.

I farmaci anti tiroide riducono gradualmente i sintomi dell’ipertiroidismo impedendo alla ghiandola della tiroide di produrre quantità eccessive di ormoni. I sintomi di solito iniziano a migliorare in sei o 12 settimane, ma il trattamento con farmaci anti-tiroide continua in genere per almeno un anno e spesso più a lungo. Per alcune persone, ciò risolve il problema in modo permanente, ma altre possono avere una ricaduta. Tali farmaci, però, possono causare gravi danni al fegato.

I farmaci beta-bloccanti, invece, sono comunemente usati per curare l’alta pressione sanguigna. Non riducono i livelli degli ormoni tiroidei, ma possono ridurre la frequenza cardiaca e aiutare a prevenire le palpitazioni. Per questo motivo, il medico può prescriverli per aiutarvi a sentirvi meglio fino a quando i livelli tiroidei non sono più vicini al normale. Gli effetti collaterali possono includere stanchezza, mal di testa, stomaco disturbato, costipazione, diarrea o vertigini.

Se sei incinta o non riesci a tollerare i farmaci anti-tiroide e non vuoi – o non puoi – avere la terapia con lo iodio radioattiva – puoi essere un/una candidato/a alla chirurgia tiroidea, anche se questa è un’opzione scelta in pochi casi. In una tiroidectomia, il medico elimina la maggior parte della ghiandola tiroidea.

I rischi di questa chirurgia includono danni alle corde vocali e alle ghiandole paratiroidee (quattro piccole ghiandole situate sul retro della ghiandola tiroidea che aiutano a controllare il livello del calcio nel sangue). Inoltre, è necessario un trattamento prolungato con la levotiroxina per fornire al proprio corpo le normali quantità di ormoni tiroidei. Se anche le ghiandole paratiroide vengono rimosse, ti serviranno farmaci per mantenere i livelli di calcio nel sangue normali.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *