Come curare la diverticolite

La diverticolite è un disturbo doloroso e fastidioso del tratto digestivo, una malattia del colon che può essere efficacemente trattata con un’apposita dieta.

Sebbene alcuni individui sperimentino un disagio costante, altri sperimentano una diverticolite che scompare e poi ricompare. La dieta e una varietà di fattori di rischio possono aumentare le tue possibilità di soffrire di diverticolite, in particolare dopo l’età di 40 anni. Al contrario, una dieta contro la diverticolite combinata con abitudini di vita sane può curare questa condizione.

La diverticolite è l’infezione dei piccoli sacchetti di diverticolite che sono presenti lungo il tratto digestivo. Essi raramente causano problemi o gravi disagi se non vengono infiammati o infetti, nel qual caso la diagnosi è, appunto, la diverticolite. Si ritiene che circa il 10 per cento delle persone, oltre i 40 anni, sia interessato dalla malattia diverticolare ed anche di più fra gli anziani.

Nei casi di infezione grave, possono essere necessari antibiotici, oltre ad un cambiamento nella dieta. Molte persone trovano sollievo limitando gli alimenti che la causano, concentrandosi su quelli che vengono facilmente digeriti. Pensate ai diverticoli come sacchi di accumulo della placca che può bloccare le arterie, tranne che risiedono tipicamente nella parte inferiore dell’intestino.

Come con le arterie intasate, è importante per prima cosa ripulire l’area e quindi proseguire con una dieta sana. I sacchi diverticolari possono bloccarsi con la materia fecale, permettendo ai batteri di proliferare, provocando un’infezione. Quando i sacchi crescono, mettono sempre più pressione sulle pareti dell’intestino, portando a dolori, gas, disagio addominale e altri sintomi.

Questa pressione aumenta durante i movimenti intestinali che portano all’evacuazione. Occorre essere consapevoli che la stipsi è sia un sintomo che un fattore che contribuisce a peggiorare i sintomi. Se la diverticolite non viene trattata, l’infezione e la perforazione possono causare cicatrici nel tratto digestivo, dove il tessuto cicatriziale può causare un blocco parziale o completo.

Nella fase iniziale, i sintomi lievi della diverticolite possono essere trattati con il riposo e una dieta ad hoc. La diverticolite grave o ricorrente può eventualmente richiedere un intervento chirurgico per avere sollievo. Ecco perché è indispensabile guardare i segni di avvertimento della malattia e iniziare a cambiare la propria dieta e il proprio modo di vivere il più presto possibile.

Se si verificano due o più dei seguenti sintomi, si può avere diverticolite: variazione marcata delle abitudini intestinali, forte dolore addominale, crampi, nausea, diarrea alternata a costipazione, febbre e/o brividi. La dieta tipica occidentale è spesso costituita da alimenti trasformati, zucchero e grassi non salutari. Questo tipo di dieta contribuisce allo sviluppo di diverticoli e di loro infezioni.

Mangiare una dieta ricca di fibre può aiutare a prevenire la diverticolite e aiuta nella guarigione del colon. Oltre a una dieta cattiva, ci sono altri fattori di rischio da considerare: invecchiamento, obesità, fumo, farmaci da prescrizione, mancanza di esercizio aerobico regolare. Tutti questi fattori di rischio, combinati con una dieta priva di fibre necessarie e con elevati livelli di grassi animali, possono portare allo sviluppo di diverticoli di dimensioni notevoli nel proprio tratto digestivo.

Durante una diverticolite ben manifesta, o all’inizio dei sintomi, è importante aiutare il vostro tratto digestivo a pulire se stesso e cominciare a guarire. Mangiare brodi di ossa fatti di manzo, pollo, agnello e pesce – con l’aggiunta di verdure, comprese le carote, il sedano e l’aglio – aiuta a curare la sindrome. Inoltre, in questa prima fase della dieta sorseggiate del tè di zenzero caldo due o tre volte al giorno per ridurre l’infiammazione e aiutare la vostra digestione.

Una volta che i sintomi di diverticolite si siano attenuati, puoi passare alla fase due della dieta contro la diverticolite, e introdurre cibi facilmente digeribili tra cui frutta e verdura grattugiata, cotta a vapore e poi purificata, mentre puoi ancora bere zenzero e zuppa di brodo di ossa. La spremitura di frutta fresca biologica e verdura può fornire una spinta di nutrienti. Le carote, le barbabietole, l’uva, le mele, la lattuga e la crescione possono essere gustate in questa fase.

Quando il tuo corpo si è adattato ai cibi della fase due, comincia ad aggiungere cibi ricchi di fibre, comprese frutta e verdure crude e grani non raffinati, come quinoa, riso nero, cereali fermentati o lenticchie germogliate. Se cominci a provare nuovamente i sintomi della diverticolite, ritorna alla fase precedente. Può richiedere fino a qualche mese guarire del tutto il tratto digestivo.

Secondo i ricercatori dell’Università di Oxford, la fibra riduce il rischio di malattie diverticolitiche. Così nei primi giorni della fase quattro, introduci gradualmente i cibi ad alto contenuto di fibre, aggiungendo solo un nuovo prodotto ogni 3-4 giorni. Quando il tuo corpo inizia ad adattarsi, puoi iniziare a consumare ogni giorno 25-35 grammi di fibre per aiutare a evitare qualsiasi recidiva.

La diverticolite richiede più di una semplice dieta ad hoc per la guarigione. La digestione inizia in bocca. È quindi fondamentale masticare accuratamente ogni boccone di cibo, finché non sia quasi liquefatto. Più si spezza il cibo prima di mandarlo nello stomaco, più i nutrienti sono pronti per essere assorbiti. Gli studi medici dimostrano che la combinazione di attività fisica (corsa, o esercizi a moderata intensità) e di molte fibre contribuisce a prevenire la malattia diverticolare.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *