Come curare la scabbia nell’uomo

La scabbia è una malattia cutanea pruriginosa e altamente contagiosa causata da un’infestazione da parte di un piccolo acaro che depone le uova sulla pelle: il sarcofilo Sarcooptes scabiei.

Il modo di trasmissione è il contatto diretto tra pelle e pelle, o utilizzando una biancheria da letto, abiti o altri articoli personali di un infetto. Il contatto sessuale è la forma più comune di trasmissione tra i giovani sessualmente attivi e le scabbie sono state considerate da molti come malattia sessualmente trasmessa, anche se non tutti i casi sono trasmessi sessualmente.

Il prurito grave e inesorabile è il sintomo predominante della scabbia. Il grattarsi la pelle porta a infiammazioni ed a frequenti graffi, che possono predisporre la pelle alle infezioni secondarie e allo sviluppo di croste. I segni ed i sintomi della scabbia includono minuscole macchie rosse che assomigliano a morsi di insetti principalmente sui gomiti, intorno ai capezzoli delle donne, vicino ai genitali degli uomini, ai polsi e tra le dita.

Gli acari che ne sono responsabili sono piccoli parassiti a otto zampe (in contrasto con gli insetti, che hanno sei zampe). Sono piccoli, lunghi solo 1/3 di millimetro, e scavano nella pelle per produrre un prurito intenso, che tende a peggiorare di notte. Gli acari che infestano gli esseri umani sono femmine lunghe da 0,3-0,4 mm; I maschi sono circa la metà di questa dimensione. Gli acari della scabbia possono essere visti con una lente d’ingrandimento o con un microscopio.

Gli acari della scabbia strisciano ma non sono in grado di volare o saltare. Sono immobili a temperature inferiori a 20 C, anche se possono sopravvivere per periodi prolungati a queste temperature. L’infestazione di scabbia avviene in tutto il mondo ed è molto comune. La scabbia può colpire persone di qualsiasi età o razza. Le scabbie umane sono state segnalate da oltre 2500 anni. La scabbia influenza spesso la popolazione senza tetto, ed episodicamente persone di tutti i gruppi socioeconomici.

La persona diagnosticata avere la scabbia e chiunque abbia avuto stretti contatti con lei ha bisogno di un trattamento. Anche chi non ha segni o sintomi va trattato. Questo è l’unico modo per evitare nuovi focolai di scabbia settimane più tardi. Le persone che dovrebbero essere trattate includono: chiunque viva con la persona e gli ultimi partner sessuali.

Il trattamento comprende farmaci scabicidi orali o topici prescritti dal medico. La maggior parte delle persone può essere curata con un farmaco che si applica sulla sua pelle. Questi farmaci vengono in genere applicati su tutto il corpo dal collo verso il basso. I neonati ed i bambini piccoli hanno spesso bisogno di un trattamento per il loro cuoio capelluto e il viso.

Un dermatologo fornirà le istruzioni specifiche da seguire. La maggior parte delle medicine viene applicata al momento di coricarsi. La medicina viene quindi lavata via quando il paziente si risveglia. Potrebbe essere necessario ripetere questo processo una settimana dopo. Trattare la pelle più spesso di quanto suggerito dal medico può peggiorare l’eruzione cutanea e il prurito.

Il trattamento con i farmaci permette di sbarazzarvi degli acari, eliminare i sintomi come il prurito e trattare un’eventuale infezione che si sia sviluppata. Per i primi giorni e fino a una settimana, l’eruzione cutanea e il prurito possono peggiorare durante il trattamento. Entro 4 settimane, la pelle deve guarire. Se la tua pelle non è guarita entro 4 settimane, puoi ancora avere acari.

Alcune persone hanno bisogno di essere trattate 2 o 3 volte per liberarsi degli acari. Assicurati di parlare con il tuo dermatologo per il trattamento. Non utilizzate mai uno scabbicida usato per trattare colture o animali. Le persone che sviluppano scabbie con crosta – nota anche come scabbia norvegese – spesso hanno bisogno di trattamenti ripetuti per liberarsi degli acari.

Per liberarsi degli acari e impedire nuovamente la formazione di scabbia, bisogna fare di più che trattare la pelle o prendere una pillola. Dovrete lavare i vestiti, i letti e gli asciugamani per liberarvi degli acari che potrebbero essere caduti dalla pelle. Dovresti anche pulire tutta la tua casa con l’aspirapolvere, oltre a migliorare l’igiene personale e, se possibile, le condizioni di vita. I rimedi da banco od i rimedi domestici non sono in generale efficaci nell’eliminazione della scabbia.

Ad ogni modo, l’olio di Neem ha potenti proprietà antisettiche e antimicrobiche che possono agire contro gli acari della scabbia e accelerare la guarigione. Macellate una manciata di foglie di Neem fino a formare una pasta fine. Mescolate la pasta con un cucchiaio di olio di senape e spalmatene uno strato sopra la pelle interessata. Lasciatelo per un’ora e poi lavate con acqua fredda. Applicate questa miscela regolarmente due o tre volte per eliminare l’infezione e il prurito grave.

Anche l’aglio ha potenti proprietà antimicrobiche e antinfiammatorie che possono uccidere gli acari della scabbia e accelerare il processo di guarigione. Mescolate alcuni spicchi d’aglio in una pasta fine e spalmate su tutta la pelle. Tenetela il più a lungo possibile, dopodiché lavate con acqua normale. Applicate tre o quattro volte, finché tutti gli acari sono stati uccisi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *