Come curare punture di acari

Gli acari possono infestare la pelle umana attraverso le aree di contatto con la vegetazione, come pantaloni o maniche di camicia e collari. Essi migrano sulla pelle in cerca di una zona ottimale di alimentazione.

Gli acari inseriscono il loro tubo di alimentazione – chiamato stilostomo – nella pelle e iniettano enzimi che causano la distruzione del tessuto ospite. Le larve poi si alimentano sul tessuto distrutto. Se non vengono disturbati (che però è raramente il caso nell’uomo perché causano un notevole prurito) si possono alimentare attraverso lo stilostomo per alcuni giorni.

La maggior parte dei morsi si verificano intorno alle caviglie, nelle aree del cavallo e dell’inguine, dietro le ginocchia, e sotto le ascelle. Gli ostacoli alla migrazione sulla pelle quali le cinture possono essere una ragione per la quale i morsi comunemente si verificano in vita o in altri zone del corpo in cui la loro migrazione è impedita dalla compressione dagli indumenti.

Un morso di acaro di per sé non è evidente. Dopo che l’acaro ha cominciato a iniettare gli enzimi digestivi nella pelle (di solito dopo circa 1-3 ore), iniziano sintomi e segni. Il prurito pronunciato è il sintomo più comune. La zona del morso può essere arrossata, piatta o sollevata; a volte assomiglia a una pustola. Il prurito è dovuto alla presenza dello stilostomo.

Il prurito di solito è più intenso entro 1-2 giorni dal morso e persiste per diversi giorni. La completa risoluzione delle lesioni cutanee può richiedere fino a due settimane. Se sono presenti più morsi, la condizione può essere scambiata per eczema o dermatite allergica da contatto. Una storia dell’attività all’aria aperta può suggerire una diagnosi corretta.

Una volta che sapete di essere stati morsi da acari, la prima linea di difesa è una doccia calda. Questo farà sì che ogni acaro presente sul vostro corpo cada via e ridurrà al minimo le reazioni cutanee da punture. Usate un sapone antisettico delicato e strofinate delicatamente il corpo a fondo durante la doccia. Dopo, asciugatevi accuratamente ma senza strofinare con forza. Applicate un po’ di olio d’oliva o di una crema idratante delicata per mantenere la pelle idratata.

Una volta che avete fatto la doccia calda, il passo successivo è quello di procurarsi un barattolo di Vicks Vapor Rub, un prodotto da banco in grado di mettere immediatamente fine al prurito delle punture da acaro. Infatti, il raffreddamento prodotto dal mentolo in esso contenuto allevia il prurito sui relativi recettori presenti nella pelle. Inoltre, ridurrà pure il rischio di vesciche. Applicatelo alla zona interessata se c’è qualche infiammazione e gonfiore, altrimenti no.

Il bicarbonato di sodio è un altro rimedio efficace per ridurre le eruzioni cutanee ed il prurito. Esso agisce come un neutralizzatore di acido naturale che aiuta ad alleviare il prurito. Si riduce anche il rischio di infezione. Aggiungere 1 tazza di bicarbonato di sodio in una vasca da bagno piena di acqua fredda. Mescolate bene e poi immergetevi in questa acqua per 15 minuti.

In alternativa, preparate una pasta sottile unendo 2 cucchiaini di bicarbonato di sodio e un po’ d’acqua. Applicate la pasta sulle zone colpite. Lasciate agire per circa 10 minuti, poi risciacquate con acqua fredda. Non utilizzate questo rimedio più di una o due volte al giorno. Non applicate mai il bicarbonato di sodio sulla pelle rotta o sulle ferite aperte.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *