Come guarire dalla cinetosi

La cinetosi, o malattia del movimento, è un termine che descrive una spiacevole combinazione di sintomi – come vertigini, nausea e vomito – che possono verificarsi quando si viaggia. A volte è nota anche come malattia da viaggio, mal di mare, malattia d’auto o malattia d’aria.

I sintomi iniziali della cinetosi possono includere: pelle pallida, leggero freddo, vertigini, un aumento della saliva, vomito. Alcune persone hanno anche sintomi addizionali, come ad esempio: respirazione rapida e bassa, mal di testa, sonnolenza, stanchezza estrema. Chiunque può essere colpito dalla cinetosi, ma alcuni sono più vulnerabili: le donne spesso presentano malattie del movimento, in particolare durante i cicli mestruali o la gravidanza, ed è più comune nei bambini dai 3 ai 12 anni.

Nella maggior parte dei casi, i sintomi della malattia del movimento miglioreranno man mano che il vostro corpo si adatta alle condizioni che causano il problema. Ad esempio, se avete mal di mare su una nave da crociera, i sintomi possono migliorare dopo un paio di giorni. Tuttavia, alcune persone non si adattano e presentano sintomi finché non lasciano l’ambiente che li causa.

La cinetosi è di solito associata al viaggiare in auto, nave, aereo o treno. Tuttavia, è anche possibile sulle gite in pullman e durante la visione o la riproduzione di film veloci o giochi per computer. Si pensa che la malattia del movimento si verifichi quando c’è un conflitto tra ciò che i vostri occhi vedono e ciò che le vostre orecchie interne – che aiutano il senso dell’equilibrio – vedono.

Se c’è una mancata corrispondenza di informazioni tra questi due sistemi, la confusione che ne consegue porterà a sintomi come nausea e vomito. Ad esempio, è possibile avere mal d’auto quando si viaggia in automobile perché i vostri occhi dicono al cervello che stai viaggiando a più di 45 km all’ora, mentre il vostro sistema vestibolare dice al cervello che si è ancora seduti.

I sintomi lievi della cinetosi possono essere in genere migliorati usando tecniche come fissare gli occhi all’orizzonte o distrarsi ascoltando la musica. Altre tecniche di auto-cura che si potrebbero provare includono: scegliere una cabina o un sedile nel mezzo di una barca o di un aereo, perché qui è dove si ha il minimo movimento; chiudere gli occhi;  aprire le finestre. È anche una buona idea evitare di mangiare o bere alcol prima di viaggiare, e invece di bere acqua in viaggio.

La cinetosi più grave può essere trattata con farmaci. Di solito è meglio prendere farmaci per la malattia dell’inizio del viaggio per evitare che i sintomi si sviluppino. A esempio l’iosina, nota anche come scopolamina, è ampiamente usata per trattare la malattia del movimento. Si pensa che essa funzioni bloccando alcuni dei segnali nervosi inviati dal sistema vestibolare.

Gli effetti collaterali comuni dell’iosina includono sonnolenza, visione offuscata e vertigini. Dato che l’iosina può causare sonnolenza, evitate di assumerlo se state pensando di guidare. L’iosina, inoltre, deve essere usata con cautela nei bambini, negli anziani e se se si soffre di determinate condizioni quali l’epilessia o si ha una storia di problemi cardiaci, renali o epatici.

Gli antistaminici sono usati per trattare i sintomi di allergie, ma possono anche aiutare a controllare la nausea e il vomito. Sono meno efficaci nel trattamento di malattie del movimento rispetto all’iosina, ma possono causare meno effetti collaterali. Sono solitamente presi una o due ore prima del viaggio. Come l’iosina, alcuni antistaminici possono causare sonnolenza.

Molte terapie complementari sono state suggerite per la malattia del movimento, anche se le prove sulla loro efficacia sono controverse. Ad esempio, gli integratori di zenzero – o altri prodotti a base di zenzero, tra cui i biscotti di zenzero o il tè di zenzero – possono aiutare a prevenire i sintomi della cinetosi. Prima di assumere integratori di zenzero, controllate con il vostro medico curante che non influenzerà alcun altro farmaco che state eventualmente assumendo.

Infine, le bande di acupressione sono fasce elastiche indossate intorno ai polsi. Esercitano pressione su un punto particolare all’interno del polso tra i due tendini del braccio interno. Alcuni terapisti complementari sostengono che anche l’utilizzo di una banda di acupressione può aiutare a trattare la cinetosi. Sebbene esse non provocano effetti collaterali negativi, non ci sono prove scientifiche che dimostrino essere un trattamento efficace per la malattia del movimento.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *