Come prevenire epatite

L’epatite è una malattia che attacca il fegato. Esistono cinque tipi di epatite: epatite A, B, C, D e E.  A seconda del tipo, ci sono due modi principali con cui l’epatite passa da persona a persona, e sono il contatto con sangue infetto o altri liquidi corporei e il contatto con feci infette.

L’epatite A ed E vengono escrete attraverso le feci di una persona infetta. Si può quindi diventare infetti da epatite A o E se ingerite cibo contaminato o acqua. I tipi di epatite B, C e D vengono diffusi principalmente attraverso il contatto con il sangue infetto. La trasmissione sessuale è un modo di esposizione meno comune, ma ancora importante, specialmente per l’epatite B.

Esistono dei vaccini per proteggersi immunizzandosi singolarmente contro l’epatite A o B, ed in Italia la vaccinazione contro l’epatite B è obbligatoria (l’obbligo è stato introdotto nel 1991), mentre quella contro l’epatite A è facoltativo. Esistono anche combinazioni di vaccini contro l’epatite A e B, che vengono somministrati in un ciclo di tre volte.

Nessun vaccino è disponibile per prevenire l’epatite C, D o E. Tuttavia, l’epatite C è ora curabile per molti pazienti grazie a nuovi farmaci antivirali efficaci. Sebbene non esista ancora un vaccino contro l’epatite D, tale virus ha bisogno dell’epatite B per sopravvivere, per cui il vaccino contro l’epatite B assicura anche che non si verifichi un’infezione da epatite D (se non già presa).

Inoltre, prendete precauzioni per l’epatite durante i viaggi. L’accesso all’acqua pulita non è universale e l’acqua contaminata può diffondere l’epatite A ed E. I viaggiatori internazionali possono consultare i siti web del Ministero degli Esteri o dell’Istituto Superiore di Sanità per scoprire quali precauzioni speciali potrebbero essere necessarie in determinate destinazioni.

Tenete presente che quando si viaggia in una zona con acqua potabile non sicura, la sua contaminazione potrebbe non essere ovvia a occhio nudo. Evitate sempre l’acqua del rubinetto, i cubetti di ghiaccio e frutta e verdura crudi che possono essere stati lavati in acqua contaminata. Anche spazzolare i denti o lavarsi con acqua contaminata può metterti a rischio; Usa l’acqua in bottiglia che è stata per spazzolare i denti ed evita di ingerire acqua sotto la doccia o nuotando.

E non dimenticate di lavarvi le mani regolarmente, perché il lavaggio frequente delle mani può aiutare a proteggerti contro le epatite A e E. Se l’acqua del rubinetto disponibile per il lavaggio è probabile che sia contaminata, utilizzate invece un sanitizzatore per le mani.

Infine, praticate sesso sicuro per ridurre il rischio di epatite Anche se il contatto con il sangue è la via principale di trasmissione per determinati tipi di epatite – come l’epatite C – pure il contatto sessuale non protetto vi mette a rischio. L’uso di un preservativo ed il sesso sicuro possono ridurre al minimo tale rischio. Le persone con il rischio più alto sono: partner sessuali di una persona infetta, uomini che hanno rapporti omosessuali, persone con più partner sessuali.

Evitate la condivisione di elementi personali ad alto rischio. Non condividete, e questo vale soprattutto per chi fa uso di siringhe. Tale comportamento ad alto rischio è un rifugio per l’epatite perché piccolissime quantità di sangue in tracce possono rimanere in una siringa o su un ago per un periodo di tempo significativo. Anche una piccola quantità di sangue infetto è sufficiente a trasmettere l’epatite. Per la stessa ragione, assicurati che gli aghi utilizzati per il tatuaggio, il piercing del corpo o l’agopuntura siano sterili: gli aghi monouso presi da un pacchetto non aperto sono i migliori.

E se vivi con qualcuno che ha l’epatite – o è a rischio per l’epatite – astieniti dal condividere articoli personalizzati. I membri della famiglia di persone che soffrono di epatite hanno maggiori rischi di contrattarla, specialmente se condividono oggetti per la cura personale che possono avere piccole quantità non rilevabili di sangue. Questi comprendono rasoi e spazzolini da denti.

Non tutti le epatiti sono causate da virus. Sostanze tossiche per il fegato possono causare infiammazioni e danni al fegato. Se avete l’epatite virale, esporre il fegato alle tossine può peggiorare l’infiammazione epatica. Le tossine includono l’eccesso di alcol e farmaci da banco. Anche alcuni farmaci da prescrizione e integratori a base di erbe possono portare all’epatite.

Dal momento che il rischio di problemi al fegato aumenta nel tempo (e con la quantità di alcool consumato), è meglio bere l’alcool solo con moderazione. Se si tende a bere pesantemente o si hanno problemi di fegato preesistenti, chiedete al medico qualsiasi nuova prescrizione. Inoltre, leggete e seguite le istruzioni di dosaggio sulle confezione dei farmaci da banco.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *