Come superare il jet lag

Quando si viaggia in aereo attraversando vari fusi orari, il vostro corpo ha bisogno di un po’ di tempo per adeguarsi. Si tratta della cosiddetta “sindrome del jet lag”, nota anche come “sindrome del cambiamento di fuso orario”. Questi termini descrivono la gamma di sintomi che si verificano a seguito di tale volo.

Il jet lag può causare problemi temporanei come l’insonnia, nausea, affaticamento, problemi digestivi e gastrointestinali, dolore muscolare, scarso appetito, mal di testa, vuoti di memoria, giudizio alterato, scarsa concentrazione e irritabilità. Il corpo, infatti, ha bisogno da pochi giorni a qualche settimana per acquisire familiarità e adattarsi naturalmente al nuovo fuso orario.

I sintomi variano da persona a persona e possono durare fino a 5 o 6 giorni, se avete viaggiato in nove o più fusi orari, in particolare in direzione est. Chiunque può soffrire di jet lag, ma alcuni fattori possono aumentare la probabilità di viverlo. Tali fattori includono un maggiore numero di fusi orari attraversato, un viaggio verso est anziché verso ovest, la disidratazione, il bere alcol e caffeina durante il volo, la mancanza di sonno, lo stress in eccesso e l’avere più di 60 anni di età.

Il jet lag è temporaneo, ma può ridurre in modo significativo il vostro comfort durante la vostra vacanza o viaggio di lavoro. Per fortuna, ci sono alcuni suggerimenti e cambiamenti di stile di vita che possono contribuire a ridurre la gravità e la durata dei sintomi. In generale, è possibile evitare il jet lag preparandosi adeguatamente per il proprio volo e riposando a sufficienza durante il volo stesso. Una volta atterrati, esponetevi al sole naturale e seguite l’ora locale per ridurre il jet lag.

Può risultare utile cambiare il proprio normale ciclo di sonno un paio di giorni prima della partenza. Ciò aiuterà l’orologio interno del vostro corpo a regolarsi più facilmente sul nuovo fuso orario. Per es., se si viaggia ad est, andate a letto un’ora prima del solito, e se si viaggia verso ovest, andate a letto un’ora più tardi. Fate questi cambiamenti già una settimana prima della partenza.

Se arrivate a destinazione durante il giorno, è importante trascorrere del tempo alla luce naturale del sole. Ciò aiuterà il vostro cervello ad adattarsi al nuovo fuso orario. La luce del giorno è il più potente strumento naturale per la regolazione del ciclo sonno-veglia. L’esposizione alla luce solare di mattina aiuta il corpo quando si viaggia verso est, mentre la luce del giorno della prima serata aiuta il corpo a regolarsi su un fuso orario posticipato, ovvero quando si viaggia verso ovest.

Il jet lag può influenzare anche le vostra abitudini digestive. Se possibile, prima di partire, mangiate a orari vicini a quelli ai quali mangerete a destinazione. Una volta arrivati ​​a destinazione, un pasto ricco di proteine ​​vi aiutare per l’attenzione e per mantenere l’energia. Cercate di mangiare leggeri e pasti sani. I grandi pasti ricchi renderanno più difficile per il vostro sistema digestivo il funzionare senza problemi, cosa che può scatenare sintomi spiacevoli quali costipazione e diarrea.

Considerate anche l’idea di prendere della melatonina. La melatonina è un ormone che il corpo produce naturalmente e controlla l’orologio biologico interno, inviando segnali al corpo relativi a quando avete bisogno di andare a dormire e quando si ha bisogno di svegliarsi. Con l’assunzione di un integratore di melatonina, è possibile reimpostare l’orologio interno del corpo.

La melatonina dovrebbe essere presa prima di coricarsi per diversi giorni dopo l’arrivo in un nuovo fuso orario per facilitare la transizione. Essa è notevolmente efficace nel prevenire o ridurre il jetlag, e l’uso occasionale di breve termine sembra essere sicuro. Pertanto, è raccomandata per i viaggiatori adulti che volano attraverso cinque o più fusi orari, soprattutto in direzione est. Tuttavia, è indispensabile consultare il proprio medico prima di assumere integratori di melatonina.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *