Helicobacter pylori e cancro allo stomaco

Il cancro allo stomaco è uno dei tipi più comuni di cancro in tutto il mondo. Esso è legato all’infezione da parte del cosiddetto Helicobacter pylori. Una volta infettata, una persona di solito rimane infetta per tutta la vita, a meno che non sia trattata con antibiotici specifici.

L’infezione a lungo termine dello stomaco con il batterio dell’Helicobacter pylori può causare ulcere, può infiammare e danneggiare lo strato interno dello stomaco. Alcuni di questi cambiamenti potrebbero portare al cancro nel corso del tempo, in particolare al cancro nella parte inferiore dello stomaco. L’infezione da H. pylori è anche legata ad alcuni tipi di linfoma dello stomaco.

Sebbene l’infezione da H. pylori sia una delle cause principali del cancro allo stomaco, la maggior parte delle persone che hanno questi batteri nello stomaco non sviluppano mai il cancro allo stomaco. Anche circa 3 su 100 casi di linfoma non-Hodgkin sono legati a questi batteri. E ci sono alcune prove che anche il rischio di cancro intestinale può essere aumentato nelle persone con infezione da H. pylori.

Oltre ad aumentare il rischio di questi tumori, l’H. Pylori è anche legato a un rischio ridotto di cancro esofageo, anche se non è chiaro esattamente quale ruolo i batteri giochino in ciò. Quando i tassi di infezione da H. Pylori scendono in un Paese, i tassi di tumore dello stomaco diminuiscono, ma i tassi di cancro esofageo aumentano, e l’infezione potrebbe aver giocato una parte in ciò.

Circa 2 adulti su 3 in tutto il mondo sono infetti da H. pylori. Il tasso di infezione è più elevato nei paesi in via di sviluppo e nei gruppi più anziani di età. Probabilmente, viene diffuso in un paio di modi. Uno è il percorso fecale-orale, ad esempio attraverso l’alimentazione contaminata o le fonti d’acqua. Può anche essere trasmessa da una persona all’altra, dalla bocca alla bocca.

Anche altri fattori hanno un ruolo nel fatto che qualcuno sviluppi il cancro allo stomaco. Ad esempio, i nitriti sono sostanze comunemente presenti nelle carni salate, nell’acqua potabile e in alcune verdure. Ebbene, essi possono venire convertiti da alcuni batteri, come l’H. pylori, in composti che sono stati scoperti causare il tumore allo stomaco negli animali da laboratorio.

Milioni di persone in tutto il mondo sono dunque infettate da questi batteri e solo pochissimi (1-3 su 100) continuano a sviluppare il cancro allo stomaco. I ricercatori pensano che ciò sia perché vi sono diversi tipi di batteri H. Pylori, alcuni dei quali è più probabile che causino problemi di altri. E altri fattori di rischio – come il fumo e quello che mangiamo – probabilmente svolgono un ruolo importante.

Antibiotici e altri farmaci possono essere usati per trattare le infezioni da H. pylori. Le persone che hanno ulcere attive o una storia di ulcere dovrebbero essere sottoposte a test per l’H. pylori e, se sono stati infettati, dovrebbero essere trattati. La sperimentazione e il trattamento dell’infezione da H. pylori si raccomanda anche dopo la rimozione di un tumore precoce allo stomaco.

L’infezione da H. pylori può essere rilevata con un test del sangue o un test di respirazione. Di solito può essere curata abbastanza facilmente con un periodo di trattamento antibiotico, ma alcune infezioni stanno diventando resistenti agli antibiotici. Tuttavia, il medico può decidere di non trattare l’infezione da H. pylori, a meno che non si abbiano sintomi quali dolori allo stomaco (sintomo di un’ulcera).

Infatti, anche se la cura dell’infezione da H. pylori riduce un po’ il rischio di un tumore allo stomaco, il cancro allo stomaco è raro, specialmente in paesi come sviluppati come il nostro, e l’infezione da H. pylori può anche abbassare il rischio di cancro esofageo. Quindi la cura dell’infezione di H. pylori in realtà non è probabilmente nell’interesse di tutte le persone.

In effetti, in un recente convegno un oncologo italiano ha sottilineato che l’eradicazione dell H. pylori, sviluppatasi in questi anni con grande battage pubblicitario nel mondo occidentale, ha portato alla localizzazione di altri tipi di batteri nello stomaco e ha favorito lo sviluppo del tumore gastrico, molto più aggressivo  del raro tumore linfomatoso indotto dall H. pylori. Infatti, l’eradicazione dell’H. pylori pare che abbia aumentato l’incidenza del reflusso gastroesofageo.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *