Nutraceutica: cos’è ed esempi

Il termine “nutraceutica” – che ha guadagnato in tempi recenti un’ampia diffusione perché “suona” bene – combina insieme le parole “nutrizione” e “farmaceutica” ottenendo una parola che descrive i cibi od i componenti degli alimenti che sembrano avere azioni simili a un farmaco.

I termini alimenti funzionali e nutraceutici sono spesso utilizzati in modo intercambiabile, quando stiamo cercando di sottolineare l’aspetto nutrizionale in materia di alimenti medicinali. Tuttavia, il termine nutraceutica più correttamente viene applicato agli alimenti o ai componenti alimentari che sono stati trattati e/o concentrati in una pillola, in capsule o in polvere.

L’aglio può essere definito un alimento funzionale a causa dei suoi benefici riferiti ai livelli di colesterolo nel sangue. Le pillole di aglio sono “nutraceutiche” perché vengono consumate nella forma di pillola. Molte persone non vedono la differenza, e forse non è ovvia con questo esempio. Una vitamina E in capsula è molto diversa dall’olio vegetale da cui è stato estratto, sia per la forma effettiva in cui viene consumata sia per la concentrazione. La capsula di vitamina E si può definire nutraceutica.

Ci sono due correnti di pensiero che animano il dibattito riguardo la nutraceutica. La prima afferma che, se un alimento o un nutrimento particolare è buono per voi, allora tutto ciò che dovete fare è mangiare più di quel cibo in modo da ottenerne i benefici. Mangiando l’intero cibo – e non solo un componente particolare – otterrai il beneficio di tutto il resto che si trova in quel cibo allo stesso tempo.

La corrente di pensiero che sostiene i nutraceutici sottolinea invece che i benefici di molti nutrienti e componenti alimentari sembrano essere evidenti solo a livelli elevati di assunzione. Non ci si può aspettare che uno consumi chili di verdure ogni giorno. Consumare una pillola o una capsula alta in una vitamina o un minerale può essere l’unico modo per aumentare l’assunzione giornaliera.

Per qualificarsi come farmaco, un prodotto deve avere una comprovata capacità di alterare o migliorare il metabolismo o di prevenire o ridurre la malattia o l’infezione o gli agenti che causano malattie o infezioni. L’industria farmaceutica produce tali prodotti. Ma prima che si possa commercializzare un farmaco, esiste un sistema di prova molto rigoroso che deve essere soddisfatto.

Nella maggior parte dei paesi, le agenzie di regolamentazione sanitaria stanno aderendo a questo “onere della prova” che si applica a un farmaco tradizionale o ad un alimento che ha riportato benefici alla salute, al fine di proteggere il consumatore da affermazioni e prodotti fraudolenti e pericolosi.

Oggi siamo tutti più preoccupati per la nostra salute e per il benessere generale. Forse ciò ha a che fare con l’invecchiamento della popolazione, oppure con i costi crescenti del trattamento medico e dei soggiorni ospedalieri, o forse semplicemente vogliamo prendere un maggiore controllo delle nostre vite, bombardati ogni giorno da notizie che quasi tutto intorno a noi è cattivo per la nostra salute: l’aria che respiriamo, l’acqua che beviamo, molti dei cibi che apprezziamo.

Un numero crescente di persone crede che molti alimenti contengano più dei nutrienti tradizionali come proteine, carboidrati e grassi. Del resto, molto prima che i farmaci venissero conosciuti, gli aborigeni usavano alimenti ed erbe per combattere l’infezione e curare la malattia. Ma le proprietà curative degli alimenti vanno oltre il semplice folklore. Si stanno accumulando evidenze che dimostrano che alcuni alimenti e loro componenti possono avere un impatto positivo sulla malattia.

Un nuovo termine è stato perciò coniato per descrivere questi alimenti che promuovono la salute: “alimenti funzionali”. Anche se il termine può essere nuovo, il numero crescente di alimenti che vengono aggiunti alla lista dei prodotti funzionali non lo sono. Ad esempio, cibi come l’aglio, lo yogurt e l’olio d’oliva sono tutti nella lista degli alimenti funzionali. Ed i media sono una fonte di notizie e informazioni sul settore sempre crescente di alimenti che hanno proprietà medicinali.

Noi non suggeriamo che gli alimenti funzionali siano un sostituto per i farmaci prescritti dal medico o per altri interventi medici. Al contrario, come molte persone riteniamo che includere cibi funzionali nella nostra dieta sia un modo per ognuno di noi di prendere più controllo sulla nostra salute e sul nostro benessere. È naturale, può essere relativamente poco costoso e possiamo avere il controllo.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *